MOTOLOGY

HARLEY-DAVIDSON HERITAGE SOFTAIL: il test di Motology

HD_Heritage_Softail_test_motology_02

Motology prova la Harley-Davidson Heritage Softail®Classic: una moto da 110 anni di storia vissuta “on the road”

Sono un neofita dell’Harley-Davidson e qui lo dichiaro apertamente, così che i puristi non ne abbiano a male nel caso in cui mi dimentichi di raccontare qualcosa che per loro è fondamentale e per me, magari, non lo è ancora.

Per cominciare questo viaggio nel mondo Harley ho scelto una Heritage Softail®Classic, quintessenza della cruiser cittadina, ma anche un gran bel mezzo da oltre 350 kg di massa!

Bella è bella, con quell’aspetto un pò vintage dato dai borsoni con borchie e fibbie a sgancio rapido, come si usava nell’età dell’oro, quelle cromature incredibilmente lucenti, il telaio che riprende le linee intramontabili degli hardtail e gli ammortizzatori posteriori orizzontali che scompaiono fra le linee in stile custom nostalgico di un mezzo che ti proietta, da subito, sulle lunghe e polverose strade americane.

Ok non ho neanche il giubbino in pelle con le frange, ma ho l’attenuante del caldo cittadino e del bicilindrico in dotazione alla moto che, suppongo, un pò di calore lo produca, o no?

LA PROVA DELLA HARLEY – DAVIDSON Heritage Softail®Classic

La seduta è decisamente comoda, così come il manubrio ampio si afferra e si manovra con facilità.

Quando, poi, accendi il motore Twin Cam 103™,  avverti subito lo scatenarsi della coppia ai bassi regimi di giri e, grazie al disegno alleggerito del pistone, ti rendi subito conto che l’erogazione della potenza è più precisa che mai.

Per un neofita della HD come me, la cosa più “stravagante” che ho trovato è il pedale del cambio con 2 leve e le pedane avanzate, ma il bello è che ho impiegato davvero un attimo a darmi del TU con questo cambio Cruise Drive® a sei marce.

La percezione è  che motore e trasmissione siano stati progettati per lavorare assieme, al punto che la risposta alle cambiate è ottimale e lo spunto, anche ai bassi regimi, è notevole.

Anche in autostrada la cambiata è scorrevole e silenziosa così da rispondere bene al tipo di guida richiesto.

Seguo con piacere la filosofia Harley che insegna a godersi il viaggio e non la velocità imparando a conoscere tutte le componenti della Softail.

Il sistema frenante, per esempio, non offre soltanto sicurezza e risposta pronta grazie all’ABS di serie, ma ha anche una valenza estetica da ricercarsi nella ruota dal design pulito e dalla componentistica opportunamente nascosta sotto il mozzo. Buona cosa l’antifurto H-D® Smart Security System che si attiva e disattiva con telecomando quando ci si avvicina o ci si allontana dalla moto, così come ci piace che la stessa funzione sia presente nella chiave d’accensione.

I pneumatici Dunlop hanno ottimo grip considerando la stazza di questa touring che è anche dotata di un apprezzatissimo parabrezza in policarbonato, così che si possa programmare un viaggio in tutta tranquillità.

Ho sempre guardato i larghi manubri delle Harley con un punto di domanda e, invece, devo dire che quello presente sulla Softail ti mantiene comodamente in posizione dominante così che i muscoli del collo non siano in tensione e si possa macinare chilometri su chilometri senza stancarsi.

Altra bella sorpresa è stata la maneggevolezza di guida nel traffico cittadino: mi aspettavo una moto impegnativa e, invece, ho trovato un mezzo sorprendentemente facile da “domare”.

Certo il sound del Twin Cam 103 è davvero poderoso al punto che non passerete di certo inosservati.

Altro punto favorevole è la sella morbida, adatta a viaggiare, e la presenza dello strapuntino del passeggero che blocca la schiena nella parte inferiore: mio figlio, zavorrino per l’occasione, lo ha trovato perfetto per il suo battesimo su Harley-Davidson!

Ho apprezzato anche la comodità delle borse laterali che sostituiscono lo zaino quando si decide di organizzare un week end fuori porta.

In sella a questa moto mi sono sentito un pò Poncharello dei CHiPs, che ok guidava una Kawasaki, ma nell’immaginario collettivo è percepito come un Harleysta!

In conclusione, la Heritage Softail Classic è una moto consigliata a chi ama andare a spasso, ma  senza fretta e in perfetta filosofia Harley-Davidson!

By Leo Zolea

Photo by Giody Papello per Motology

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply