MOTOLOGY

INTERVISTA A CHRISTIAN GAMARINO : ‘ MANCA UN PO’ DI FEELING ‘

Christian_Gamarino_001

Christian_Gamarino_001

Intervista al giovane pilota del Team Go Eleven Supersport che punta alla Top10 e a cambiare marcia fin dal prossimo round

La gara della Supersport nel round italiano è stata di alto livello per la nostra nazione; la prima vittoria di Lorenzo Zanetti dedicata all’amico Andrea Antonelli, la grande gara degli italiani ( Rolfo,Menghi e Nocco su tutti ) e il solito allegro pubblico nostrano che non smentisce mai la propria passione per le due ruote.

Ma c’è anche chi, proprio nella gara di casa, è stato braccato dalla sfortuna e ha dovuto faticare per l’intero weekend .

Stiamo parlando del genovese Christian Gamarino che, dopo un ottima gara ad Aragon conclusa in Top10 e un errore sull’asfalto olandese di Assen, era arrivato al round di casa con le migliori intenzioni .

Gli abbiamo fatto qualche domanda a una settimana dal round di Imola e a pochi giorni da quello in terra inglese per sapere cosa è successo e come si preparerà.

Qui di seguito  l’intervista a Christian Gamarino, buona lettura .

Ciao Christian, come stai? Parliamo un po’ dello scorso weekend … Nell’evento di presentazione al round di Imola hai dato spettacolo sul campo di calcio, ma purtroppo in pista si sono presentati alcuni problemi che hanno compromesso il tuo weekend . Non è stato decisamente facile per te sin dal primo turno di prove ma, per fortuna, tutto  ormai è alle spalle . Puoi raccontarci cosa ti è successo?

Ciao a tutti, si diciamo che sul campo da calcio me la sono cavata bene, anche se le aspettative non erano le più rosee (ride, ndr). A Imola, purtroppo si è presentato un problema tecnico nel primo turno del venerdì mattina dopo pochi giri. Abbiamo capito cosa fosse solo durante il terzo turno di libere, perciò ho girato molto poco prima delle qualifiche. 

Il tuo compagno di squadra, Roberto Rolfo, ha ottenuto un ottimo risultato nella gara di casa, classificandosi quinto . Tu sei riuscito a portarti a casa un buon tredicesimo posto, che va bene per morale e classifica . Senza tutti gli inconvenienti avuti, secondo te, era possibile stare con lui ed ottenere un risultato al suo stesso livello?

Non sono contento del tredicesimo posto. Le aspettative erano parecchio diverse; qui l’anno scorso ero andato forte e volevo ripetermi.  Non posso dire che sarei riuscito a stare con lui, è andato forte, ma cercherò di starci partendo da Donington . 

Non hai avuto molte occasioni di girare, ma dai test di marzo ad Imola, hai percepito dei cambiamenti nella moto?  I due round effettuati nel frattempo ti hanno aiutato a crescere in termini di esperienza e feeling con la moto?

Cambiamenti ce ne sono stati e stiamo ancora provando varie cose, però ancora non riesco a trovare il feeling che vorrei. Specialmente ad Imola non mi sentivo a mio agio in sella; abbiamo nuove idee che forse ci porteranno sulla strada giusta,…vedremo.

Imola è considerato uno dei circuiti più belli dell’intero campionato ma è anche in cima alle classifiche quando si parla di pericolosità .  Le numerose red flag sventolate nel weekend lo testimoniano, così come gli incidenti che sono avvenuti in questi giorni ed in passato . Tu, in quanto pilota, cosa puoi dirci a riguardo? 

Sì, Imola è sicuramente un bellissimo tracciato, ma è anche vero che in alcune parti del circuito dei muretti rimangono ancora troppo vicini. In tutte le altre piste non ci sono, quindi forse ci sarebbe da modificare qualcosa per raggiungere un buon livello di sicurezza. 

La Kawasaki ormai è considerata la casa ‘ top ‘ di questo campionato ; in tutte le categorie, tra le moto protagoniste, c’è una verdona .  Ci puoi elencare le caratteristiche migliori di questa moto? E quali sono quelle che si adattano meglio al tuo stile di guida?

Quando mi fanno questa domanda mi trovo sempre un pò in difficoltà perchè io ho sempre e solo guidato Kawasaki, quindi non posso confrontarle con altre moto. Sicuramente la moto è molto buona; ha un buonissimo motore e la ciclistica è un po’ da interpretare, ma resta una delle moto più competitive.  

Sei soddisfatto dell’inizio di stagione del tuo primo campionato di Supersport ? L’obiettivo rimane sempre quello di dare il massimo per cercare di rientrare in top10 ?

Sono abbastanza soddisfatto, ma è sempre difficile accontentarsi. Sì, l’obiettivo è la top 10 ma non nascondo che vorrei stare più avanti.. e se riusciamo a risolvere qualche problema e trovare il giusto feeling, penso si possa fare. 

Dopo Assen, dove a causa delle condizioni critiche sei caduto in gara ed il weekend in salita di Imola, si va a Donington e poi a Sepang, dove non hai mai girato . Con quale spirito vai in Inghilterra?

Sì, sono 2 piste che non ho mai visto. Andrò in Inghilterra con la voglia di migliorare e di rifarmi dopo il brutto weekend di Imola, ma prima di tutto devo cercare di trovarmi bene sulla moto … e poi i risultati speriamo arrivino! 

Arriveranno sicuramente! Ti auguro buon viaggio e ti faccio un immenso in bocca al lupo a nome di Motology ! Grazie per la disponibilità ! 

Grazie a te, e crepi il lupo !

Per Motology.it Federica Merotto @Faith_46

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply