Notice: Trying to get property of non-object in /home/tidirium/public_html/motology.it/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 26
MOTOLOGY

PHILLIP ISLAND WSBK – A BAUTISTA LA PRIMA SUPERPOLE TISSOT RACE

Il regolamento 2019 prevede tre gare: le due gare classiche e una gara sprint, la Superpole Tissot Race.
Quest’ultima viene corsa in breve distanza, 10 giri, ed assegna metà punti ai primi 9 classificati: dai 12 del vincitore al punto singolo dato al nono classificato.
Quest’ordine verrà anche seguito per formare la griglia di gara2, diversamente da come fatto gli anni scorsi.

Oggi è iniziato dunque un nuovo capitolo della storia della Superbike, per più aspetti.
Il primo, ovviamente, è proprio l’entrata in scena di questa gara sprint, che ha fatto storcere il naso a piloti ed addetti ai lavori ma che, alla fine, non si può far altro che correre.
Il secondo, sembra avere un nome ben preciso: Alvaro Bautista.
Sarà lui, dopo 4 anni di Rea-cannibalismo, a cambiare le cose?
Chi ben comincia è a metà dell’opera – si dice.. e lo spagnolo, mettendo a segno due gare su due, sembra voler confermare questo detto.

La mattina italiana, con via alle 02 di notte, parte dunque con una gara che sembra delineare il quadro che verrà a delinearsi in questa stagione: Bautista principale antagonista di Rea, Haslam che non molla facilmente il colpo ed una forza blu Yamaha compatta, che quest’anno non ha nulla da invidiare a nessuno. Unico assente? Davies, che al momento sembra ancora nel totale oblio.
A differenza di come ci si può aspettare, la gara è stata condotta in maniera intelligente, senza rischi nè mosse azzardate.
C’è chi è partito all’attacco e chi, invece, poco a poco è risalito.
Bei spunti di bagarre fra Rea e Bautista, e soprattutto in casa Yamaha.. dove quest’anno fra Lowes, Van Der Mark, Cortese e Melandri, nessuno sembra voglia regalare niente a nessuno.

Tra poche ore dunque avrà il via la seconda “vera” gara stagionale: partirà dalla pole Bautista, affiancato da Rea ed Haslam. Seconda fila per Lowes, Van Der Mark e Melandri, seguiti da Cortese, Rinaldi e Laverty.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply