MOTOLOGY

Laguna Seca: in gara 1 la rivincita di Melandri

Gara1_LagunaSeca_2014

A Laguna Seca è doppietta Aprilia in Gara1, paura per Davies

Laguna Seca – I presupposti per una gara spettacolare c’erano tutti, ma forse tutti si aspettavano qualcosa di più. Una gara 1 piatta, povera di sorpassi e di pochi colpi di scena, più spaventosi che degni di nota.

Allo spegnersi del semaforo, scattano bene Sykes dalla pole e i piloti Aprilia .

Partono bene anche le Honda, che cercano di rimanere nel gruppo di testa sin da subito, mentre Giugliano perde dai primi secondi posizioni importanti, così come Loriz Baz .

Primo errore di giornata al famoso Cavatappi per Tom Sykes; esce fuori pista e passa sull’ormai celebre ‘tombino’. L’inglese è costretto a frenare e lasciare la testa della corsa a Guintoli, subito seguito da Melandri .

All’inizio del secondo giro Giugliano supera Rea, inziando la sua rimonta mentre Chaz Davies cade.

L’incidente avviene alla curva 7 e la botta alla testa per il pilota inglese è pesante; subito il pilota non si muove, poi cerca di alzarsi ma cade sulla ghiaia sembrando privo di sensi .

Le notizie non sono molte, ma il pilota della Ducati dovrebbe essere stato portato in Clinica Mobile per constatare le sue condizioni fisiche e per sapere se potrà essere considerato ‘FIT’ per correre gara2 .

La gara continua con le Aprilia sempre al comando, seguite da Sykes e Giugliano, in netto recupero .

Al settimo giro arriva il ritiro di Badovini con la Bimota, mentre il suo compagno di squadra Iddon rimane nel gruppo delle EVO, attaccato al gruppo di testa .

Nello stesso giro, altro brivido al cavatappi; Davide Giugliano rischia di cadere a causa di un lungo all’entrata del cavatappi ma, con una forte frenata, riesce ad evitare di uscire dalla pista .

Ritiro anche per Eugene Laverty a causa di problemi tecnici che gli fanno sfumare l’opportunità di ottenere un altro buon piazzamento .

Dal decimo giro inizia il duello Aprilia; dopo la gara di Portimao di settimana scorsa, la tensione è alta fra i due piloti .

Melandri riesce a sorpassare Guintoli, e dopo pochi giri inizia la sua fuga, mettendo in salvo la sua posizione .

Sykes lascia scappare entrambi i piloti Aprilia, concentrandosi solo sul mantenere un buon distacco da Giugliano; il campione del mondo preferisce perdere punti ma rischiare poco, soprattutto quando il setting e le condizioni non gli permettono azzardi .

In due giri Melandri riesce ad accumulare più di un secondo di vantaggio sul compagno di squadra, allontanando così il ricordo della disfatta portoghese .

Nel gruppo degli inseguitori Elias supera Haslam, ponendosi come obiettivo Davide Giugliano e la sua quarta posizione .

Poco dopo tocca a Rea sorpassare il compagno di squadra all’ingresso del cavatappi; dopo un lungo ad inizio gara che gli ha fatto perdere molte posizioni e ancor più secondi, l’inglese è riuscito a risalire e a conquistare un ottimo sesto posto .

Bandiera a scacchi presa a schiaffi da Marco Melandri in solitaria, seguito da Sylvain Guintoli e Tom Sykes che arrivano nell’ordine. Quarto Davide Giugliano, braccato da Toni Elias .

Decima posizione e primo pilota EVO David Salom, seguito da Niccolò Canepa e Sylvain Barrier .

Buona prestazione per Bryan Staring, tredicesimo e quindicesima posizione per Leon Camier, alla prima avventura con la MV Agusta e alla prima gara sul circuito di Laguna Seca .

Prossimo appuntamento con la Superbike da Laguna Seca è con gara2 alle 23.45

Per Motology.it Federica Merotto @Faith_46

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply