Notice: Trying to get property of non-object in /home/tidirium/public_html/motology.it/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 26
MOTOLOGY

Sepang, gara 2: rinascita di Melandri

Melandri_Guinto_Sepang_gara

Fantastica doppietta del ravennate e di Aprilia sul circuito malese. Tom Sykes terzo

Sepang – In molti si aspettavano le Aprilia davanti a Sepang, ma non tutti avrebbero scommesso su una doppietta di Marco Melandri e una doppia doppietta di Aprilia .

Dopo i turni dei giorni precedenti in cui Guintoli ha stradominato, Marco Melandri ha lavorato duro e non si è arreso .

Alla partenza, scatta bene Tom Sykes, ma ancor meglio Toni Elias, che si mette al comando. Guintoli tenta di nuovo la tattica di gara1 e in poche curve supera Sykes ed il compagno di marca .

Baz parte più prudente rispetto a gara1, e risale poco a poco dopo una partenza non ottimale.

Melandri supera Sykes, e si mette all’inseguimento dei due piloti Aprilia che lo precedono.

Subito inizia la bagarre tra le due EVO di Salom e Canepa, che rischiano il contatto .

Al quarto giro viene esposta la bandiera nera con il pallino arancione per Claudio Corti; pochi secondi dopo la moto perde olio in pista e va in fiamme .

Viene prontamente esposta la bandiera rossa .

I piloti rientrano ai box e i commissari iniziano i lavori di pulizia in pista. Viene comunicato che la gara sarà fatta ripartire secondo regolamento in modo abbreviato; in 10 giri i piloti dovranno andare alla ricerca del miglior risultato possibile.

La gara riparte.

Partenza perfetta di Elias, seguito da Guintoli e Melandri .

Davies parte mano e rimane nelle retrovie, mentre le Honda sembrano poter stare con il gruppo che conta.

Non c’è tempo per pensare ed aspettare e nemmeno per gli errori; Melandri prova a passare Elias rischiando il contatto .

Il pilota italiano riesce a riprendere la situazione in mano senza perdere troppo terreno dalla testa della gara.

Davies recupera su Giugliano, che si trova in compagnia di Rea e Haslam, mentre più indietro ci sono le Suzuki e le EVO.

Proprio tra queste, perdiamo Alessandro Andreozzi con una caduta che pone fine al suo complicato weekend .

Guintoli allunga, Melandri innesca una bagarre prima con Baz e poi con Sykes, superandoli entrambi.

Al sesto dei dieci giri della gara sprint, Melandri tenta di ricucire sul compagno di squadra, riducendo il gap giro dopo giro .

Quando ormai i due si trovano appaiati,al decimo giro, Melandri supera Guintoli andando largo.

Contro le previsioni, soprattutto all’ultimo giro, Melandri riesce a recuperare la corda e riprendere la traiettoria chiudendo la porta .

Sul lungo rettilineo, prima della curva finale, Guintoli supera il ravennate ma stacca tardi e va largo.

Anche gara2 va a Marco Melandri, davanti a Sylvain Guintoli e , a distanza, Tom Sykes .

Chiude decimo Davide Giugliano, dopo un weekend reso ancora più difficile dall’influenza e la febbre che l’hanno colpito .

Primo tra le EVO Leon Camier, dodicesimo, senza rivali nella gara dopo la ripartenza .

Tredicesimo, ma non ancora in classifica ufficiale, Ayrton Badovini con la Bimota. Quindicesimo Niccolò Canepa, quarto tra le EVO, dopo il ritiro di gara1 .

Prossimo appuntamento a Misano Adriatico, secondo ed ultimo round italiano in programma per il Campionato Sbk 2014, dal 19 di giugno con l’evento di presentazione e l’open paddock.

Per Motology.it Federica Merotto @Faith_46

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply