MOTOLOGY

Imola, GARA1: REA conferma la pole e vince

Rea_Imola_gara_1

Rea_Imola_gara_1

Con una gara in solitaria, Jonathan Rea ottiene la seconda vittoria dell’anno; seguono Davies e Sykes

Imola – Sull’asfalto imolese ogni anno va in pista uno spettacolo indimenticabile, e la gara di oggi lo testimonia ampiamente.

Tutto inizia con un’ ottima partenza de l poleman Jonathan Rea e, dopo poche curve, con un dritto di Marco Melandri , mentre Tom Sykes rimane nelle retrovie .

Non parte May, mentre la wild card del Ducati Barni, Ivan Goi, cade subito al primo giro .

Sin dall’inizio, si dà il via ad una bagarre tra Niccolò Canepa e Leon Camier, che andrà avanti per qualche giro finchè, l’inglese, non riesce a superare ed allungare sul giovane italiano .

Al settimo giro Ayrton Badovini, pilota Bimota del Team Alstare, sembra ritirarsi ma poi sceglie di girare per tutta la durata della gara malgrado i numerosi pit in .

Jonathan Rea (Honda Pata) e Chaz Davies (Ducati), primo e secondo, allungano sui diretti inseguitori, cercando di mantenere una distanza di sicurezza in previsione di un buon risultato .

Le Suzuki di Laverty e Lowes rimangono un po’ staccate dal gruppo di testa ma, durante il tentativo di ricongiunzione, iniziano una bagarre con la Honda di Leon Haslam .

Al quinto giro si ritira Niccolò Canepa, lasciando così strada libera a Leon Camier che ha continuato una gara in solitaria che l’ha portato ad un ottimo piazzamento pur non essendo con il setting ideale .

Nel gruppo di testa, Davies viene raggiunto da Tom Sykes (Kawasaki) e Sylvain Guintoli (Aprilia) mentre più indietro inizia la bagarre tutta italiana fra Melandri e Giugliano, tra Aprilia e Ducati .

Rea continua ad allungare e avvicinarsi sempre più velocemente al primo gradino del podo mentre il gruppo dietro rimane ben compatto e guidato da Sylvain Guintoli e chiuso da Loris Baz (Kawasaki).

All’ottavo giro si ritira Michel Fabrizio mentre Claudio Corti, a causa di un uscita dalla pista, perde posizioni e rientra in pista in ultima posizione, lanciandosi così in un recupero folle .

Tre giri dopo la corsa perde uno dei protagonisti più acclamati del weekend, ovvero Davide Giugliano che cade e pone fine alla sua gara .

Al contrario Chaz Davies, il suo compagno di squadra, passa Sylvain Guintoli guadagnandosi la seconda posizione .

Melandri riesce a recuperare terreno sul gruppo dove ci si gioca il podio e, insieme a Guintoli,Baz e Sykes, mette in scena una bagarre che ha lasciato a fiato sospeso tutti gli spettatori .

Primo posto strameritato per Jonathan Rea, seguito da un ottimo Chaz Davies e dal campione del mondo in carica Tom Sykes.

Quarto Loris Baz, seguito dalle due Aprilia ufficiali, Guintoli e Melandri .

Vittoria in classe EVO per Leon Camier, alla sua probabile ultima gara con la BMW del Team Motorrad Italia, così come ci aveva anticipato nell’intervista esclusiva di giovedì .

Per Motology.it Federica Merotto @Faith_46

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply