Notice: Trying to get property of non-object in /home/tidirium/public_html/motology.it/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 26
MOTOLOGY

MALEDIZIONE AL MGP CLASSIC PROVANO SOLO I NEWCOMER

SEMBRA UNA MALEDIZIONE MA UN INCIDENTE A STRADE APERTE STRAVOLGE IL PROGRAMMA

Quest’anno sembra essersi abbattuta una maledizione sul Manx Grand Prix e sul Classic TT.

Andiamo per ordine in questa giornata ai limiti dell’assurdo.

La mattinata è iniziata con la pioggia, sembrava spegnere ogni speranza per la serata. A differenza di ieri invece il meteo è migliorato gradualmente.

Nella zona Guthries un incidente stradale ha chiuso la strada anticipatamente rispetto all’orario stabilito. L’intervento della polizia sulla scena ha causato del ritardo sull’inizio. La peggior maledizione che si potesse pensare.

A mezz’ora dall’ipotetico inizio la situazione non sembra volgere al termine in tempi brevi. Si dovrà aspettare le 19.30 locali per l’inizio.

La sessione prevista per MGP Senior / MGP Junior / CTT Lightweight / CTT Superbike  viene però persa. Fra i piloti che subiscono questa decisione Francesco Curinga, impegnato nel Manx Grand Prix e Forest Dunn, nella Classic TT Superbike.

Gary Thompson conferma la presenza di zone umide lungo il tracciato.

Il nuovo programma coinvolge: CTT Junior / CTT Senior / MGP Lightweight & Ultralightweight,  All MGP Newcomers and selected experienced riders.

L’attesa infinita sembra non vedere fine, i travelling marshal sollevano preoccupazione sul manto stradale a Ghuthries e fanno richiesta della pulizia strada. Ancora del ritardo, capite perché si parla di maledizione?

Questa maledizione non sembra finire, alle 19.45 Gary Thompson è costretto a cancellare la sessione per CTT Junior / CTT Senior / MGP Lightweight & Ultralightweight.

La visibilità è ormai minima, scendono in pista i newcomers, che più di tutti necessitano di fare almeno un giro del Mountain Course.

I piloti esperti che guidano i newcomer sono Dave Madsen-Mygdal, oltre 100 TT conclusi per lui, Dean Osborne e Andy Dudgeon.

Finalmente gli esordienti possono avere un ulteriore assaggio del Mountain Course, ma ancora non provano da soli. L’ho già detto che è una maledizione?

La serata si conclude quindi anticipatamente con un quasi nulla di fatto. La frustrazione è tanta ma non si poteva agire diversamente.

Pur essendo delle prove untimed si vengono a sapere i tempi dei piloti, interessante come sei di loro abbiano già girato sopra le 100mph. fra questi Thomas Maxwell, Lloyd Collins, Nathan Harrison.

Il nostro sorvegliato speciale, James Smith, in sella alla Kawasaki ZX400 ha concluso il giro in 95.863mph.

Per Grant Gaskell un problema con la visiera lo ha costretto a fermarsi dopo Kirk Michael per cercare di risolvere, prima di proseguire. Sam Grief invece problemi al cambio, non ha potuto usare nè la quinta nè la sesta marcia, il padre si è messo subito al lavoro. Ancora un problema al motore per Veronika Hankocyoca, che come sabato, conclude il giro con un solo cilindro funzionante. Veronika guida una bicilindrica..

Possiamo dire che il potenziale di questi ragazzi c’è e non vediamo possano esprimerlo al meglio, presto!

A causa delle prove perse Gary Thompson ha fatto richiesta al governo per poter programmare ulteriori prove. La richiesta è stata accolta, domani verranno svolte prove aggiuntive, si ripeterà lunedì mattina, cercando di incastrare con il programma di gare del Classic TT.

Credits Lucas Croydon Photography che ringraziamo.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply