MOTOLOGY

RESA NOTA LA START LIST DEL TT

START LIST CON ALCUNE SORPRESE PER IL TT2018

Mancano 17 giorni all’inizio del Tourist Trophy e, finalmente, è stata rilasciata la start list.

Per chi si fosse avvicinato alle road race di recente ricordiamo la caratteristica principale della start list del TT.
Per ciò che concerne i primi venti numero assegnati infatti i piloti, indipendentemente dal tempo fatto segnare nella settimana di prove partiranno sempre seguendo l’ordine del numero sul proprio cupolino.
Molte sorprese riguardano l’edizione di quest’anno.
Come purtroppo sappiamo non vedremo al via John McGuinness e Bruce Anstey, ad entrambi rinnoviamo i nostri auguri di pronta guarigione, in particolar modo al neozelandese.
Ancora in forse la presenza di Ian Hutchinson, ben determinato ad esserci. Di qualche giorno fa i suoi primi test in della alla Honda.
Ma siamo adesso un’occhiata alla start list.
1- Conor Cummins. Sarà il pilota mannese, di Ramsey per la precisione, a dirigersi per primo verso Bray Hill. Una grande soddisfazione per lui, che il giorno di inizio del TT festeggerà i suoi 32 anni.
2- James Hillier. Jimbo aveva “indossato” il numero 1 cinque anni fa, quando poi ha vinto la sua prima gara, nella classe Lightweight, da allora sempre partito fra i primi.
3- Michael Rutter. The Blade avanza di posizione rispetto agli anni passati e, senza ombra di dubbio, cercherà di sfruttare al meglio la partenza
4- Ian Hutchinson. Servono altre parole sulla tenacia e forza di volontà di Hutchy?
5- Dean Harrison. Gli ottimi risultati dell’anno scorso di Deano hanno favorito la sua “scalata”.
6- Michael Dunlop. Fedele al suo numero sei resta l’uomo da battere.
7- Gary Johnson. Anche Gaz fedele al suo numero.
8- Dan Kneen. È l’altro pilota di casa presente in questa start list (non sono però gli unici due iscritti), di Braddan per la precisione. In sella alla Tyco BMW avrà i riflettori puntati.
9- David Johnson. L’anno scorso Davo partiva con il numero 1, esperienza che ha raccontato così “in attesa del via urlavo nel casco”.
10- Peter Hickman. Se non corre con il suo 60 Hicky sceglie sempre il 10.
11- Josh Brookes. Brooksey è l’unico rappresentante della Norton quest’anno, cinque posizioni guadagnate rispetto allo scorso anno, grazie ai risultati ottenuti.
12- Martin Jessopp. Martin è un pilota privato ma al TT in questi anni sta lasciando la sua firma.
13- Lee Johnston. Anche The General è uno di quelli fedele al proprio numero. Riflettori anche per Lui, esordio con Honda ufficiale.
14- William Dunlop. Se qualcuno pensa di poter escludere William dalla lotta per le posizioni che contano si sbaglia di grosso.
15- Derek Sheils. Top 20 assolutamente meritata per Derek che in questi anni, grazie anche all’esperienza maturata nelle National irlandesi è cresciuto tantissimo.
16- Jamie Coward. Jamie si è ritrovato letteralmente dall’oggi al domani senza un team all’inizio dell’anno, per fortuna l’accordo con Rico Penzkofer è arrivato.
17- Philip Crowe. Se non siete attenti nella lettura delle classifiche il suo nome vi può sembrare nuovo, in realtà Philip fa parte di quei privati che si difende molto bene.
18- Steve Mercer. Forse. Già qualora Hutchinson non dovesse essere fit to race il team Honda Racing ha pronto il piano B, come avevamo ipotizzato.

Quest’anno non sono stati assegnati il numero 19 e 20. Gli organizzatori speravano di poter avere in griglia John McGuinness e Bruce Anstey, purtroppo come detto non ci saranno. La decisione dunque di lasciare due posti vacanti.

Nel leggere vi sarete resi conto che ho parlato dei risultati dell’edizione passata. Questo perché gli organizzatori cercano di premiare i piloti che l’anno prima hanno migliorato i propri tempi sul giro, dimostrando la propria conoscenza del Mountain Course. Si potrebbe dire che valga il contrario, quando un pilota risulta più lento allora riceve un numero un po’ più alto.

Credits Joel Cooper Photography che ringraziamo


Notice: Undefined variable: user_ID in /home/tidirium/public_html/motology.it/wp-content/themes/gameday/comments.php on line 48

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply