MOTOLOGY

SUPERBIKE: IL DUELLO DEI FRATELLI DUNLOP E WILLIAM NE ESCE VINCITORE

001

VITTORIA PER IL MAGGIORE DEI DUNLOP, CUMMINS TERZO A CHIUDERE IL PODIO

Il programma di gare non ha subito modifiche e subito dopo la vittoria di Bruce Anstey nella seconda gara della Supersport, in condizioni di meteo di pioggia è partita la prima gara della Superbike. La partenza ha subito un ritardo sia per le condizioni meteo che per la presenza di olio a Metropole, dopo la caduta di Seeley e Johnston. Anche in questo caso due giri di “ispezione” per i piloti, per scegliere la giusta soluzione di gomme, stavolta poche incertezze, pioggia. Assenti sia Seeley che Johnston che decidono di saltare la gara per esser certi delle proprie condizioni di salute. Danny Horne, meccanico di Dean Harrison utilizza twitter per far portavoce del pensiero di tutti, fin da giovedì sera si sapeva del rischio pioggia, eppure nonostante il cambio di regolamento che prevedeva l’anticipo delle gare si è preferito lasciare libera la giornata soleggiata di venerdì..

Alle 12:20 locali, dopo un’attesa di quasi un’ora si decide per un altro warm up lap e la gara viene ridotta a cinque giri. Horst Saiger, interpellato sulle condizioni del tracciato dichiara “troppo pericoloso, scelta difficile”; alcuni piloti decidono di non prendere il via per le ridotte condizioni di visibilità, fra questi Daley Mathison, le condizioni meteo dovrebbero comunque migliorare nel corso del pomeriggio. Intanto la pioggia incombe ed occorre notare come fra tutte le superbike schierate quella di Josh Brookes non ha il traction control, poiché proviene dal BSB, quindi un regolamento EVO.

Steve Plater fa sapere che le condizioni del tracciato, pur essendo ancora bagnato, migliorano, in molti scelgono comunque le full wet.

In pole position Michael Dunlop sulla BMW ufficiale, con lui in prima fila Michael Dunlop e Alastair Seeley. Al via scatta ancora una volta Michael Rutter, Guy Martin, William Dunlop, ma meglio di tutti Ian Hutchinson che si porta al comando su Rutter a York corner. William insida il compagno di squadra e passa, replica poco dopo su Rutter. Inizia una battaglia fra: Martin, Rutter e Conor Cummins. A Metropole ancora Hutchinson al comando, seconda posizione per William Dunlop e terzo Cummmins. Il primo giro si conclude così con Gary Johnson quarto, partiva nel secondo gruppo, seguito da Rutter, Dan Kneen, Martin, Michael Dunlop, James Hillier e Josh Brookes a chiudere la top ten. Attardati John McGuinness quindicesimo, diciassettesimo Dean Harrison, diciannovesimo Jamie Hamilton e ventesimo Horst Saiger. Ventinovesima posizione per Martin Jessopp.

Nel corso del secondo giro Station corner è teatro del confronto diretto fra William Dunlop e Ian Hutchinson, con la Suzuki che ha la meglio sulla Yamaha; alle loro spalle risale anche Cummins che prova ad approfittare della scia dei due ma senza successo. Ora Hutchinson deve guardasi da Cummins, a Mathers cross i due si toccano ma è ancora Hutchy ad avere la meglio, nel frattempo William Dunlop scappa. Sul traguardo del secondo giro Cummins è secondo, con un ritardo di 2.3 secondi da W Dunlop. Hutchinson deve guardarsi da Rutter e Michael Dunlop che risalgono, dalla lettura dei tempi quarta posizione però per Johnson. In ritardo Guy Martin che è sedicesimo, a causa della penalità di dieci secondi per il taglio di chicane. Stessa sorte tocca a Gary Johnson, Dan Cruger e Jamie Hamilton. Nel secondo giro è McGuinness a prendere penalità, insieme a Guy Martin.

Nel corso del terzo giro Michael Dunlop attacca Rutter e parte all’inseguimento di Hutchinson, Cummins è ancora lontano. William continua a guadagnare terreno mentre suo fratello passa in terza posizione.  Sul traguardo il vantaggio di William su Cummins è di cinque secondi.

È il giro numero quattro e Michael Dunlop attacca e sorpassa Conor Cummins, inizia l’inseguimento al fratello. Poco da fare per Rutter lontano più di dieci secondi. Penalità di dieci secondi anche per Ben Wylie.

Black Hill inizia ad essere sfondo di una lotta leggendaria, i due fratelli Dunlop sono ormai vicini, a Juniper Hill William continua a resistere agli attacchi di Michael, che ha portato lo svantaggio a +2.616 secondi.

Ultimo giro, William continua a spremere la sua GSX, ma Michael ne ha di più in quanto a motore. Intanto si ritira John McGuinness, edizione sfortunata per lui. Ballysally roundabout  vede Michael avvicinarsi pericolosamente a William, Mathers Cross Chicane e Michael è un missile, recupera tutto e prova a sfruttare la scia del fratello, che resiste. A Metropole i due sono affiancati ma Michael ha la meglio, il motore della sua BMW potrebbe fare la differenza. William non ci sta e ci riprova subito a Bridge Church, niente da fare. Juniper Hill altro tentativo di William, per ora nulla ma può ancora sfruttare la scia, a Black hill il sorpsasso! Con le unghie e con i denti William si porta al comando e resiste agli attacchi del fratello chiudendogli le porte. William Dunlop conquista la prima vittoria in sella ad una superbike. Secondo uno spettacolare Michael Dunlop, i due fratelli hanno scritto una pagina memorabile nella storia della North West200. Terzo, molto lontano Conor Cummins, comunque soddisfatto del podio.

Bellissimo scambio di abbracci all’arrivo, con Michael che esclama al fratello maggiore “don’t do it again” (non farlo un’altra volta!)

Di seguito l’ordine completo di arrivo.

VAUXHALL International NORTH WEST 200 Race 2 – EventServ Superbike

Race Classification

1 SBK 6 William DUNLOP Suzuki – Tyco Suzuki by TAS Racing a 5 24:02.051 111.616 4:44.475 113.514 5

2 SBK 8 Michael DUNLOP BMW – BMW Motorrad a 5 24:02.571 0.520 111.576 4:42.378 114.357 5

3 SBK 10 Conor CUMMINS Honda – Honda Racing a 5 24:18.188 16.137 110.381 4:49.622 111.497 4

4 SBK 9 Michael RUTTER BMW – Bathams prize winning ales a 5 24:28.200 26.149 109.628 4:52.254 110.493 4

5 SBK 2 Ian HUTCHINSON Yamaha – Milwaukee Yamaha a 5 24:30.099 28.048 109.487 4:52.821 110.279 4

6 SBK 21 Simon ANDREWS BMW – Penz13.com BMW Racing a 5 24:36.407 34.356 109.019 4:51.997 110.590 5

7 SBK 7 Gary JOHNSON Honda – Lincs Lifting Ltd b 5 24:40.508 38.457 108.717 4:53.474 110.034 3

8 SBK 3 Josh BROOKES Yamaha – Milwaukee Yamaha a 5 24:45.080 43.029 108.382 4:54.192 109.765 4

9 SBK 4 Guy MARTIN Suzuki – Tyco Suzuki by TAS Racing a 5 24:49.441 47.390 108.065 4:51.876 110.636 4

10 SBK 28 Horst SAIGER Kawasaki – saiger-racing.com a 5 24:59.244 57.193 107.358 4:57.409 108.578 3

11 SBK 12 Dean HARRISON Kawasaki – RC Express Racing a 5 25:02.135 1:00.084 107.151 4:58.921 108.029 5

12 SBK 43 Phillip CROWE BMW – Handtrans-Objektum-Fleetwood b 5 25:06.726 1:04.675 106.825 5:00.486 107.466 5

13 SBK 82 Derek SHEILS Kawasaki – CD Racing b 5 25:09.946 1:07.895 106.597 5:00.114 107.599 4

14 SBK 27 Ivan LINTIN Honda – Taylor Lindsey Racing b 5 25:11.360 1:09.309 106.497 5:00.454 107.477 4

15 SBK 11 Stephen THOMPSON BMW – Bathams prize winning ales a 5 25:16.492 1:14.441 106.137 5:00.542 107.446 3

16 SBK 60 Peter HICKMAN BMW – Ice Valley by Motorsave a 5 25:24.126 1:22.075 105.605 5:01.621 107.062 3

17 SBK 26 Didier GRAMS BMW – Team WuG Heidger Motorsport b 5 25:31.874 1:29.823 105.071 5:03.610 106.360 4

18 SBK 111 Paul SHOESMITH BMW – Ice Valley by Motorsave b 5 25:49.190 1:47.139 103.897 5:08.664 104.619 2

19 SBK 49 Bruce BIRNIE BMW – Carnegie Fuels b 5 25:50.444 1:48.393 103.813 5:07.254 105.099 5

20 SBK 15 Ben WYLIE BMW – Ice Valley by Motorsave c 5 25:50.792 1:48.741 103.790 5:05.958 105.544 3

21 SBK 19 Marc FISSETTE Suzuki – Heidger-Motorsport.de b 5 25:52.358 1:50.307 103.685 5:08.821 104.565 4

22 SBK 84 Tom McHALE Honda b 5 25:55.255 1:53.204 103.492 5:08.357 104.723 3

23 SBK 67 Anthony McCOLGAN Honda c 5 26:17.754 2:15.703 102.016 5:11.048 103.817 5

24 SBK 31 Dan KRUGER BMW – Penz13.com BMW Racing b 5 26:18.068 2:16.017 101.996 5:07.999 104.844 3

25 SBK 33 Adrian CLARK Honda – BHR Racing c 5 26:31.623 2:29.572 101.127 5:17.579 101.682 4

26 SBK 48 David MADSEN MYGDAL Honda c 5 26:44.319 2:42.268 100.327 5:17.953 101.562 4

27 SBK 55 Donald MacFADYEN BMW – Capital Fire & Security Alarms c 5 26:57.596 2:55.545 99.503 5:23.197 99.914 5

Fastest Lap

SBK 8 Michael DUNLOP BMW – BMW Motorrad a 4:42.378 114.357 5

Not Classified

DNF SBK 1 John McGUINNESS Honda – Honda Racing a 4 20:33.640 1 Lap 104.296 5:01.030 107.272 3

DNF SBK 74 Laurent HOFFMANN BMW – Ice Valley by Motorsave b 4 21:38.432 1:04.792 99.092 5:04.149 106.172 3

DNF SBK 37 James HILLIER Kawasaki – Quattro Plant/Muc-Off a 3 15:04.590 2 Laps 106.537 5:00.663 107.403 2

DNF SBK 44 Jamie HAMILTON Honda – Wilson Craig Racing a 3 15:35.778 31.188 102.986 5:02.525 106.742 2

DNF SBK 88 Joe FARAGHER Honda c 2 10:29.102 3 Laps 101.859 5:18.096 101.517 2

DNF SBK 32 Paul CRANSTON Suzuki – P & J Fuel Haulage c 2 11:11.404 42.302 95.442 5:41.973 94.429 2

DNF SBK 40 Martin JESSOPP BMW – Riders Motorcycles a 2 11:57.060 1:27.958 89.365 6:44.583 79.816 2

DNF SBK 16 Dan KNEEN Suzuki – Cookstown BE Racing a 1 4:55.270 4 Laps 107.657 4:55.270 107.657 1

DNF SBK 20 Daniel COOPER Kawasaki – Tsingtao WK Kawasaki b 1 5:03.179 7.909 104.849 5:03.179 104.849 1

DNF SBK 22 Russ MOUNTFORD Honda – Silicone Engineering Racing c 1 5:12.178 16.908 101.827 5:12.178 101.827 1

DNF SBK 5 Bruce ANSTEY Honda – Valvoline Racing by Padgetts a 1 5:17.570 22.300 100.098 5:17.570 100.098 1

 

La foto è di Jim Gallagher per image-eye che ringraziamo per la collaborazione.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply