Notice: Trying to get property of non-object in /home/tidirium/public_html/motology.it/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-utils.php on line 26
MOTOLOGY

FOCUS ON TOM WEEDEN

BUON COMPLEANNO TOM!

Nome: Tom Weeden
Nazionalità: inglese
Nato a: Maidstone
Data: 2 febbraio 1994 (25  anni)

Tom Weeden compie oggi 25 anni!

Conosciamo Tom principalmente per le sue partecipazioni alle corse su strada. Il suo nome è impresso fra i vincitori del Senior Manx Grand Prix, sua l’edizione del 2016.

Come spesso accade ultimamente, il suo cv di pilota ha subito un’evoluzione precisa.

Il suo esordio è negli short circuit, partecipando al trofeo Triumph, in concomitanza con il calendario del BSB, nel quale si mette in evidenza.  

Ma è la partecipazione alle gare sul tracciato di Oliver’s Mount, a Scarborough, che sboccia il suo amore per le corse su strada.

Il 2013 lo vede esordire sul Mountain Course, Newcomers Race A la sua media di gara pari a 106.026mph.

Torna l’anno successivo, questa volta, nella Junior Race, registra una media di 110.03mph.

Anche il 2015 lo vede registrare medie di gara più veloci rispetto alla precedente partecipazione, 113.670mph nella Junior Race e 116.224mph nel Senior.

Il 2016 è il suo anno. Il podio a questo punto diventa una priorità assoluta. Nella Junior Race sale sul secondo gradino del podio, meno di quattro secondi di ritardo da Andy Dudgeon, alla media di 118.216mph.

Come sappiamo tutti è il Senior MGP la gara a cui tutti puntano e per Tom il gradino più alto del podio è una necessità. Gestisce la gara alla perfezione. Come due giorni prima la lotta per la vittoria è con Dudgeon, il distacco fra i due sulla linea del traguardo inferiore al secondo, alla media di 118.400mph.

Tom Weeden in azione durante il TT 2018

Il 2017 è l’anno del primo Tourist Trophy per Tom. Nella RST Superbike Race, conclusa al trentatreesimo posto, partiva sessantatreesimo, alla media di 117.396mph. Tom è vittima di una caduta a Brandywell che lo allontana dalle corse fino al Classic TT di agosto, costellato però da problemi meccanici.

L’anno appena trascorso ha visto Tom ritornare sull’Isola di Man. Le prime prove con la big bike sono state caratterizzate da qualche problema. Il miglior risultato è stato la RL 360 Superstock Race, la gara dove i piloti privati hanno la possibilità di emergere. La media di gara 120.146mph. Nella classe Supersport, sempre in sella alla fedele Daytona, per lei sarebbe stato l’ultimo anno di partecipazione a gare internazionali. L’obiettivo darle il giusto commiato, ciò avviene nella Monster Energy Supersport Race 2, chiusa con la media di 119.336mph!

Un Classic TT decisamente più fortunato quello del 2018. Questa volta in sella alla Suzuki del 1986 Tom chiude la RST Superbike Classic Race in diciottesima posizione, alla media di 110.527mph.

Secondo Classic TT per Tom, decisamente più fortunato della precedente partecipazione

Il 2019 si prepara ad essere una stagione importante, fra qualche giorno parleremo approfonditamente della nuova avventura che lo aspetta.

Personalmente stimo molto Tom, è sempre un piacere chiacchierare con lui. nel 2017, nella settimana di prove, ho avuto il piacere di intervistarlo, qui per rileggere l’intervista. Spero di poter intervistare ancora Tom.

Nel frattempo tantissimi auguri Tom da parte di noi di Motology!

Credits Lucas Croydon Photography che ringraziamo.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply