MOTOLOGY

Misano: il guizzo vincente di Jorge Lorenzo

Misano_2013_lorenzo_001

Jorge Lorenzo domina dall’inizio il GP di San Marino a Misano

Jorge Lorenzo non molla mai e, malgrado il vantaggio in classifica dello strepitoso rookie Marc Marquez, non si da per vinto. Lo abbiamo visto a Silverstone e lo riabbiamo ammirato oggi a Misano.

Con un pubblico da grandi occasioni a riempire prati e tribune, il GP di San Marino è scattato sotto un bel sole ombreggiato qua e la da qualche nuvola.

Jorge Lorenzo ha costruito la sua vittoria con una partenza fulminante e con primi giri ad un ritmo insostenibile per tutti.

Una volta guadagnato il vantaggio, lo ha poi gestito con la regolarità che lo contraddistingue.

Allo spegnersi dei semafori Jorge Lorenzo (Yamaha) era già in testa con, a seguire, le Honda di Dani Pedrosa e Marc Marquez. Aleix Espargarò parte bene, ma viene penalizzato dalla commissione gara per partenza anticipata e costretto ad un passaggio dai box.

Al 4° giro Marc Marquez arriva lungo alla Quercia e Valentino Rossi, davanti al suo pubblico trionfante, si insedia al terzo posto.

La festa per il n° 46 dura fino al 12° giro quando Marc Marquez passa prima il Dottore e, poco dopo, aggancia anche Pedrosa che supera al 17° giro, senza però staccarlo. I due piloti Honda Repsol battagliano e si scambiano vicendevolmente le posizioni fino al  21° giro, quando Marquez mantiene definitivamente la seconda posizione e Pedrosa l’ultimo gradino del podio.

Valentino Rossi, con il casco ispirato a “Wish you were here” dei Pink Floyd e dedicato al compianto amico Marco Simoncelli, è ancora una volta quarto davanti a Bradl 5° che supera Crutchlow in extremis. Tutte in fila le Ducati con  Dovizioso 8°,  Hayden 9° e  Michele Pirro , su Pramac , 10°.

Gli altri italiani: Danilo Petrucci è 15° e Claudio Corti 16°.

In classifica generale, Marquez (253) resta primo davanti a Lorenzo e Pedrosa che, ora, sono appaiati a 219 punti. Prossima gara: fra due week end ad Aragon.

©Photo Otto Moretti per Motology

[wzslider]

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply