MOTOLOGY

A Misano il podio è per Sic con Lorenzo-Rossi e Bautista

podio2012_misano_Motology

Che emozione!” – ha commentato un commosso Fausto Gresini al termine di una gara dove, sul circuito di casa intitolato a Marco Simoncelli, Alvaro Bautista, con un finale al cardiopalma, ha conquistato il suo primo podio in MotoGP e Michele Pirro, arrivando decimo, ha concluso al secondo posto nelle CRT.

E’ stata una giornata fantastica per tutti noi – ha continuato Gresini – e sono convinto che Marco da lassù ci abbia dato un grande aiuto. Aver fatto il podio con Alvaro in MotoGp ed aver dispuato una gran gara con Michele 10° e secondo tra le CRT con questi colori e sul circuito a lui intitolato è qualcosa di indimenticabile che rimarà per sempre nei nostri ricordi e nel nostro cuore“.

Stesso pensiero per Valentino Rossi che, con il suo insperato secondo posto, commenta: “Questo secondo posto ha un grande valore sotto molti punti di vista. Il primo è che arriva qui a Misano, molto vicino a casa mia, è il mio gran premio di casa, qui ci sono molti miei tifosi, ma soprattutto è il circuito intitolato a Marco. Sono sicuro che mi ha aiutato lui da lassù e che è molto contento per me e per la sua famiglia. In più è un gran risultato per il mio team e per tutti coloro che non hanno smesso di crederci anche dopo molti momenti difficili.” Ha concluso, poi, il pesarese.

E così, in una giornata dove non sono mancate le sorprese, la gra della MotoGp sembra finire sotto il segno di Marco Simoncelli al quale questo circuito di Misano è intitolato.

Vince Lorenzo, il più forte, ma salgono sul podio anche Valentino Rossi, l’amico del Sic e Alvaro Bautista, il neo portacolori del Team San Carlo dove Marco correva.

Una giornata emozionante iniziata con un pò di bagarre data da Dani Pedrosa, in difficoltà prima del via e costretto a partire dall’ultimo posizione della griglia, lasciando vuota la prima casella. Una falsa partenza innestata da Abraham, nuovo giro warm up e poi partenza vera con Pedrosa protagonista, dopo sole 6 curve, di un’uscita di pista causa tocco di Barberà, pure fuori gara. Stessa sorte per Abraham, subito fuori con la seconda moto, seguito a breve da Mattia Pasini (Speed Master).

Intanto alla testa della corsa c’è un tranquillissimo Jorge Lorenzo seguito da Valentino Rossi e Stefan Bradl. Subito dietro troviamo i due piloti Tech3 Dovizioso e Crutchlow tallonati da Ben Spies e Alvaro Bautista. Poco dopo, però, cade anche Crutchlow.

Fuori un altro pretendente, il terzo gradino del podio è, adesso, in gioco fra Bradl, Dovizioso e Bautista con Spies, Hayden e Rea a completare il gruppo delle moto ufficiali.

A 12 giri dal termine Bautista si libera di Dovizioso, mentre Spies fa registrare il crono più veloce tra i piloti in pista. Lorenzo è stabilmente alla testa del gruppo e Rossi sembra quasi sicuro del suo secondo posto.

Sul traguardo arriva, dunque, un Lorenzo decisamente rinvigorito dal vantaggio su Pedrosa che sale a +38, seguito da un emozionato Valentino Rossi mentre per la terza piazza si va al fotofinish tra Bautista e Dovizioso, con lo spagnolo che ha la meglio per soli 3 millesimi.

In CRT il ritiro di Aleix Espargaró lascia campo libero al compagno di squadra Randy de Puniet (Power Electronics Aspar), che vince davanti a Michele Pirro (San Carlo Honda Gresini) e Colin Edwards (NGM Mobile Forward Racing).

A punti concludono Yonny Hernandez (Blusens Avintia), James Ellison (Paul Bird Motorsport), Danilo Petrucci (Came Iodaracing) e David Salom (Blusens Avintia).

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply