MOTOLOGY

Peugeot Italia partecipa al Mongol Charity Rally

Peugeot_2008_MongolRally_01

Peugeot Italia partecipa al celebre charity rally e testa le potenzialità della sua 2008.

Al Mongol Charity Rally appena concluso ad UlanBaatar, capitale della Mongolia, c’era anche Peugeot Italia.
Organizzato dall’associazione benefica The League of Adventurists International Ltd, il Mongol Charity Rally si snoda lungo un percorso di 14.000 km che attraversa la “via della seta”, a bordo di auto di qualunque tipologia, senza  alcuna assistenza esterna o l’ausilio di navigatori satellitari.
Cosa si vince? Assolutamente nulla se non la consapevolezza di aver contribuito, anche se in minima parte, al benessere delle popolazioni locali. L’obiettivo del Mongol Charity Rally non è, infatti, vincere, ma raccogliere fondi.
Fra i team coinvolti al Mongol Charity Rally, come dicevamo, c’era anche quello di Peugeot Italia che, con una 2008 1.2 VTi benzina, tre cilindri e 82CV, ha concluso con successo i 14.000 km previsti ed è ora rientrata a Milano.
Il viaggio che ha portato la Peugeot 2008 ad Ulaan Bataar, antica capitale della Mongolia, è iniziato proprio da Milano il 13 luglio scorso e, in 45 giorni, si è snodato lungo l’ Italia, la Repubblica Slovacca, l’Ungheria, la Serbia, la Bulgaria, la Turchia, il Turkmenistan, l’Uzbekistan, il Tajikistan, il Kyrgyzstan, il Kazakistan e la Russia.

Anche la vettura di Peugeot Italia ha, dunque, contributo al programma di charity per la raccolta fondi in favore delle popolazioni locali. La vettura del brand francese ha collezionato, inoltre, svariati consensi tra i media locali che hanno accolto positivamente la notizia della commercializzazione di Peugeot nel territorio Mongolo.

Al termine dei complessivi 24 mila Km percorsi per rientrare a Milano, i vertici di Peugeot Italia si dicono ampiamente soddisfatti per la riuscita dell’evento ma anche per la prova superata dalla 2008. “Il Mongol Charity Rally 2013 – confermano in Peugeot – è stato un vero e proprio test “sul campo” della robustezza e dell’affidabilità della 2008 e del nuovo motore 1.2 benzina 3 cilindri, dimostrazione che il Crossover del Leone ha un DNA realmente polivalente“.

[wzslider]

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply