MOTOLOGY

Ad Haslam, van der Mark e Takahashi la 8 ore di Suzuka

8H_SUZUKA_001

8 ore di Suzuka vinta da Leon Haslam e van der Mark insieme a Takahashi

Una 8 ore di Suzuka in formato SBK quella appena conclusasi con la vittoria, su Honda, di Leon Haslam (Mondiale SBK), Michael van der Mark (Mondiale Supersport) e Takumi Takahashi.

Oltre al gradino più alto occupato dalle Honda del team MuSashi sono salite sul podio le Suzuki di Tsuda, Brookes e Nobu Aoki, seconde, e quelle, tanto attese, di Kagayama, Haga e del 49enne ex campione della 500 Kevin Schwantz.

Quest’ultimo terzetto è quello che ha tenuto banco, soprattutto fra gli appassionati, desiderosi di rivede all’opera il campione texano, ma anche il pilota di casa Noriyuki Haga.

All’edizione 2013 della 8 ore di Suzuka ci si aspettava qualcosa di più dal team TT Honda Legends con le stelle del Tourist Trophy John McGuinnes, Michael Rutter e Simon Andrews, solo 22imi al traguardo.

Qualche rammarico anche per Jonathan Rea il cui Team, F.C.C. TSR Honda, ha dovuto salutare il sogno di una tripletta dopo le vittorie nel 2011 e 2012, causa ritiro per la caduta di Ryuichi Kiyonari,avvenuta nel corso della seconda ora di corse.

Naturalmente più che soddisfatto Leon Haslam che, con la vittoria all’edizione 2013 della 8 ore di Suzuka, si riscatta da una stagione in Superbike partita con il idee sbagliato, causa, anche, infortuni.

All’inglese va anche il merito di aver surclassato il papà Ron che all’edizione 1979 della 8 ore di Suzuka si piazzò al secondo posto.

Grande soddisfazione anche per il giovane olandese van der Mark (20 anni), sempre più proiettato tra i protagonisti della scena mondiale del motociclismo.

E, a questo proposito, ricordiamo che proprio Haslam e van der Mark saranno nuovamente in pista per il week end SBK in programma a Silverstone (4 agosto). Con loro anche Jonathan Rea che, molto sportivamente, si è congratulato con i compagni dell’Honda Pata Racing, vittoriosi a Suzuka.

 [wzslider]

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply