MOTOLOGY

SUPERSTOCK1000 VITTORIE DI MCCONNELL E REID A DONINGTON PARK

MCCONNELL IN TESTA NELLA CLASSE SUPERSTOCK1000

Il British Superbike non è solo la classe Superbike, il Pirelli National Superstock1000 è una delle classe supporto, che come la sorella maggiore non lesina emozioni.

Come vi abbiamo spiegato qui il format, e numero di gare, varie in base ai tracciati.

Questo primo round ha visto la formula Black Horse 100 + Standard, per un totale di tre gare, due domenica ed una lunedì. Ecco come sono andate.

Gara 1. Dalla pole Billy McConnell che allo spegnersi dei semafori inizia il duello con Andy Reid, scattato bene dalla quarta casella e Josh Elliott. I tre provano a darsi battaglia, ma presto Reid perde terreno e la lotta per la vittoria vede da una part la Suzuki #3 di McConnell, dall’altra la Kawasaki #10 di Elliott. Al quarto giro Elliott prende la testa della corsa e tenta la fuga, ma dopo due giri McConnell torna davanti ed impone il suo ritmo. Alle loro spalle un solitario Reid, che però compie un errore e scivola durante il nono passaggio. Billy McConnell vince gara 1, alle sue spalle Josh Elliott, Keith Farmer, Joe Collier e Alastair Seeley.

Gara 2. La griglia di partenza ricalca l’ordine di arrivo di gara 1. Questa volta allo spegnersi dei semafori è Josh Elliott ad avere la meglio su tutti ed a portarsi al comando. Tenta la fuga ma nel corso del secondo giro Billy McConnell torna davanti. L’australiano gestisce la gara con intelligenza e nonostante le condizioni poco favorevoli al quinto giro ha un vantaggio di un secondo sul suo avversario. La terza posizione tutt’altro che gara in solitaria con il trio composto da Elliott Keith Farmer e Dan Kneen a giocarsi il podio. Billy McConnell vince anche gara 2! Keith Farmer e Josh Elliott completano il podio.

Gara 3. Come sempre griglia di partenza determinata dal miglior giro in gara.

Questa volta lo spunto migliore allo spegnersi dei semafori lo ha Andy Reid che dalla settima casella si porta in fretta al comando della gara. Il portacolori del team EHA Aprilia ha imparato dall’errore del giorno prima e, pur non avendo un gran margine degli inseguitori lo gestisce al meglio.

Alle sue spalle Fraser Rogers prova a proporsi come antagonista, ma viene subito sopravanzato da Joe Collier. Sul finire di gara Michael Rutter, saldamente in terza posizione per tutta la gara deve cedere il passo a Keith Farmer nell’ultimo giro.

Andy Reid vince gara 3! Torna sul gradino più alto del podio dopo gli infortuni delle ultime due stagioni che ne avevano compromesso la stagione. Con il secondo posto di Joe Collier il team EHA Aprilia festeggia la prima doppietta stagionale. Terzo Keith Farmer. Gara opaca di McConnell che conclude in quinta posizione, ma può fregiarsi della testa del campionato.

A seguire la classifica dopo le tre manches.

2018 Pirelli National Superstock 1000 Championship with Black Horse – Round 1

CHAMPIONSHIP CLASSIFICATION

POS NO NAME ENTRY

1 3 Billy McCONNELL Suzuki – Buildbase Suzuki 41

2 33 Keith FARMER BMW – Tyco BMW Motorrad 37

3 11 Joe COLLIER Aprilia – EHA Racing 31

4 10 Josh ELLIOTT Kawasaki – Morello Racing Kawasaki 29

5 67 Andy REID Aprilia – EHA Racing 25

6 4 Michael RUTTER BMW – Bathams Racing 20

7 69 Chrissy ROUSE BMW – Team IMR 19

8 41 Dan KNEEN BMW – Tyco BMW Motorrad 17

9 89 Fraser ROGERS BMW – Mission Racing 16

10 43 Alastair SEELEY Kawasaki – Stauff Quick Connect Academy 14

11 96 Jordan GILBERT BMW – Team IMR 12.5

12 14 Lee JACKSON Kawasaki – FS-3 Racing Kawasaki 7

13 12 Luke HEDGER BMW – Lloyd & Jones Bowker Motorrad 5

14 44 Matt TRUELOVE Yamaha – McAMS Yamaha 4

15 55 Leon JEACOCK Suzuki – Geo-Davies & Smirk Racing 3.5

16 16 Benjamin GODFREY Suzuki – Mission Racing 3

16 75 Alex OLSEN BMW – ASTRO – JJR Racing 3

17 36 Sam CLARKE Kawasaki – Morello Racing Kawasaki 2

 

Credits Double Red per la foto della partenza di gara 1, Chris Brown per le foto di Billy McConnell e Andy Reid che ringraziamo


Notice: Undefined variable: user_ID in /home/tidirium/public_html/motology.it/wp-content/themes/gameday/comments.php on line 48

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply