MOTOLOGY

THAI WSS : PRIMA VITTORIA PER CARICASULO

DOPO ROLFO, CARICASULO FA CENTRO IN THAILANDIA – ANCORA SFORTUNATI JACOBSEN E CLUZEL

Il secondo round senza il ‘re’ Kenan Sofuoglu in pista è stato, come sempre, pieno di colpi di scena.
I due principali contendenti al titolo, Jacobsen e Cluzel, potevano di nuovo approfittare della situazione per mettere in cascina punti importanti per un campionato che è lunghissimo ma allo stesso tempo veloce.
Ancora una volta la fortuna gli ha girato le spalle: prima all’americano di casa Mv Agusta che ha dovuto ritirararsi a causa di problemi al motore, poi al francese (ex pilota Mv) che ha dovuto piegarsi al volere della sua Honda, anch’essa con problemi meccanici.
Sfortuna anche per Christian Gamarino che, per evitare un contatto con un altro pilota, ha dovuto forzare la sua impostazione di traiettoria per poi finire  a terra ed arrivare al ritiro.

In tutto ciò, a godere della situazione è stato il nostro talento italiano Federico Caricasulo.
Una buona partenza ed una gara tutta nel gruppo di testa, andata in crescendo fino ad arrivare a lottare con Gamarino e Cluzel.Una guida apparentemente sicura, intelligente e mirata, che ha visto solo qualche brivido nella bagarre con la wildcard thailandese Kraisart e sul finale con Kyle Smith.
Prima vittoria a livello mondiale per la nuova Yamaha R6 e per Caricasulo che, dopo lo 0 a Phillip Island, ha recuperato in pieno punti preziosi.

Battaglia da cardiopalma per l’idolo di casa Kraisart che, negli ultimi giri, se l’è dovuta vedere con l’inglese del team Lorini, protagonista di uno strano episodio.
Sin dall’inizio gara Smith ha guidato, come sua abitudine, al limite di lealtà e sicurezza. A pochi giri dalla fine gli viene richiesto un ride through che viene prontamente ignorato.
Alla fine del penultimo giro viene sventolata la bandiera nera, con obbligo di ritiro. Quest’ultima viene nuovamente ignorata e sembra quasi scatenare l’ira del pilota che, fa di tutto per andare in testa alla gara con il rischio di compromettere il risultato degli altri piloti.

Levata la seconda posizione a Smith, sul podio ci finisce Niki Tuuli davanti all’altro pilota di casa Warokorn.

Quinto ottimo posto per Kyle Ryde, pupillo di Jonathan Rea, a poco più di un decimo dalla quarta posizione.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply