MOTOLOGY

LAUSITZRING WSBK – GARA 2 : REA VINCE , SYKES CADE

04217_r10_ambience_full LA CLASSIFICA MONDIALE TORNA IN ‘PARITA’ ‘ – LO ZERO DI REA CANCELLATO DA QUELLO DI SYKES, ORA A -47

 

Pioggia ed asfalto rovinato e poco drenante significano una sola cosa : condizioni difficili e gara ridotta.
La seconda parte del round tedesco si presenta con una gara di 16 giri e con tutti presupposti per vedere una classifica ‘diversa’.

Al via partono bene le Kawasaki e le Ducati, seguite a stretto contatto dalla Aprilia di Savadori.
Non finisce nemmeno il primo giro che la gara perde uno dei suoi più importanti protagonisti, ovvero Tom Sykes.
Poco dopo tocca a Davide Giugliano, uscito di pista con un brutto highside che sembrava poter avergli causato anche danni fisici che, per fortuna, non si sono presentati.
Intanto Chaz Davies perde progressivamente terreno dalla testa della corsa, facendosi sorpassare in due giri da ben tre piloti ovvero Savadori, Camier e De Angelis.

Anche l’inglese di casa Mv Agusta deve lasciare il passo al Sanmarinese e poco dopo a due outsider assoluti ovvero Xavi Fores e Anthony West.
Al sesto giro, mentre Rea prendeva il largo, però lo schieramento si dimezza : cadono Savadori, West, Torres e Reiterberger.

Camier vede sempre più vicina la possibilità di andare a podio, tanto che per qualche giro risulta il più veloce in pista, siglando il giro veloce della gara.
Dietro di lui Chaz Davies, in estrema difficoltà, prova a tenere testa ad uno degli esperti del bagnato, ovvero Sylvain Guintoli, dovendo poi però lasciargli il passo e la quinta posizione.

Gara che vede trionfare ancora una volta Jonathan Rea che, con lo 0 di Sykes, riporta il campionato in apparente ‘sicurezza’ .
Secondo splendido posto per Alex De Angelis, seguito da Xavi Fores, primo pilota Ducati al traguardo ( con oltre 6 secondi di vantaggio su Chaz Davies ).

L’unico italiano a vedere la bandiera a scacchi sventolare all’arrivo è stato Luca Scassa, undicesimo, con la Ducati del Team VFT Racing.

 

race2

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply