MOTOLOGY

Guintoli, neo campione del mondo sbk, lascia aprilia e firma con pata

sylvain_guintoli_agreement_honda_15

sylvain_guintoli_agreement_honda_15

Il giorno dopo la vittoria del Mondiale SBK, Sylvain Guintoli conferma: sono lieto di raggiungere la famiglia Honda e di ritrovare Pata.

Con i festeggiamenti del titolo di Campione del Mondo SBK 2014 ancora nell’aria, Sylvain Guintoli comunica che lascerà Aprilia per raggiungere la “famiglia Honda e ritrovare lo sponsor Pata, già al suo fianco ai tempi del Team Effenbert Liberty Racing.

Il web impazza, così, fra le polemiche di Baz dimentico dell’aiuto promesso a Sykes ed espressamente richiesto dal team, piuttosto che di un Guintoli già pronto a lasciare la squadra che gli ha fatto vincere il mondiale.
“Irriconoscenti” sembra essere la parola più carina che i due piloti francesi si sono sentiti rivolgere in questa giornata, chiamiamola così, di “fuoco”. Tizzoni che sono poi esplosi con la polemica via Twitter fra i due porta bandiera di casa Kawasaki.

Tornando al campione del mondo in carica, c’è da dire, però, che a un mese dalla fine dei giochi,  Sylvain Guintoli non aveva ancora ricevuto alcuna proposta o riconferma da parte di una Aprilia, oggi prontissima a dire che per lui ci sarebbero stati, invece, moto, team e capotecnico (niente meno che Aligi Deganello, ex Simoncelli e Biaggi) già belli che pronti e infiocchettati.
Certo a giochi finiti risulta essere tutto più semplice, ma i fatti ci dicono che, malgrado il titolo conquistato con la casa di Noale, Guintoli correrà per la stagione 2015 sulla Honda CBR1000RR Fireblade SP del Team Pata/Ten Kate al fianco dell’altro neo campione mondiale (Classe Supersport) Michael van der Mark.

Con le carte un pò rimescolate dal nuovo regolamento SBK, vedremo, dunque,  Jonathan Rea passare da Honda Pata a Kawasaki per “sostituire” Loris Baz partente per la MotoGP; Leon Haslam cedere la sua Honda a Guintoli e sostituirlo in sella all’Aprilia RSV4 e Marco Melandri, protagonista lui stesso di polemiche per il mezzo mancato aiuto a Guintoli, pronto a lasciare l’altra Aprilia per la MotoGP, in favore di un non ancora precisato pilota.

Fra una polemica e l’altra è senza dubbio simpatica la dichiarazione di Guintoli che, resosi conto di aver ormai vinto il suo primo Mondiale SBK, racconta: “Alla fine non capivo più niente, mi sono girato e mi sono reso conto che era fatta … da quel momento ho sbagliato tutte le traiettorie” !
Beata sincerità.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply