MOTOLOGY

Qatar, GARA2: CAPOLAVORO DI GUINTOLI, RE DEL 2014

Guintoli_title_win_2014

Guintoli_title_win_2014

Doppietta in Qatar per  Aprilia con Guintoli campione del mondo e titolo costruttori;  beffato Sykes

Doha – 3 sono i punti che dividono Guintoli da Sykes, 25 sono quelli in palio, 1 è la gara rimanente e uno sarà il vincitore del mondiale 2014 della Superbike .

Entrambi i contendenti nascondono l’ansia, la paura di sbagliare e nei loro occhi si legge solo una cosa: concentrazione .

Dopo l’ultimo warm up lap e l’ultimo schieramento sulla griglia si accende il semaforo rosso.

Pochi secondi dopo sul circuito di Doha inizia l’ultima lotta dell’anno.

Parte bene Sykes, seguito da Rea, Guintoli e Giugliano, che non riesce di nuovo ad approfittare della posizione di partenza privilegiata.

Parte bene anche Elias, che riesce a piazzarsi in quinta posizione davanti a Melandri .

Contatto tra Baz e Haslam che cadono e rientrano in pista in diciottesima e diciannovesima posizione.

Rea prende subito la testa della corsa mentre Giugliano e Guintoli si fanno insidiosi dietro a Sykes .

Al terzo giro Guintoli supera Giugliano per rincorrere il suo unico obiettivo: vincere .

Baz recupera in pochissimo tempo ben sette posizioni, mentre nel frattempo cade Barrier che pone fine ad una stagione travagliata e sfortunata .

Cade anche Laverty, senza conseguenze, in un weekend tutt’altro che positivo .

Il gruppo di testa rimane sempre compatto, ma ai vertici si creano due coppie destinate a combattere: quella formata da Rea e Sykes e quella di Guintoli e Giugliano .

Al quinto giro Guintoli supera Sykes e Rea, prendendo la testa della corsa.

Sykes supera Rea e tenta di rimanere attaccato al francese della Aprilia, con scarsi risultati..

La bagarre nel gruppo degli inseguitori è fitta tra i due piloti Ducati e fra Elias e Melandri, che si scambiano le posizioni tra il quarto e il quinto posto.

In una gara poco ricca di spettacolo, ma con la tensione alle stelle, tutto sembra scritto.

Guintoli, con la vittoria in mano è campione del mondo matematico, anche con Sykes secondo .

Quando al quindicesimo giro Rea supera Sykes, tutto è davvero definito .

I punti che dividono l’inglese della Kawasaki al francese di casa Aprilia salgono a 6 .

La gara finisce così, con un Guintoli commosso già dall’inizio dell’ultimo giro e con la moglie in carenza di lacrime .

Dall’altra parte, la moglie di Sykes che quest’anno sente scendere sul viso le lacrime di rassegnazione e forse un po’ di delusione .

Vittoria, la seconda di giornata e la quinta stagionale, per Sylvain Guintoli che arriva a vincere il suo primo mondiale, seguito da Jonathan Rea e l’ormai ex campione del mondo Tom Sykes .

Quarto Melandri, seguito da Davies, Elias, Baz e Giugliano .

Undicesimo e primo pilota EVO David Salom, seguito da Niccolò Canepa.

Quattordicesimo posto per Claudio Corti e quindicesimo Alessandro Andreozzi .

Onore al vincitore e ad Aprilia che si è fatta valere con entrambi i piloti, in pista e non solo .

 Per Motology.it Federica Merotto @Faith_46

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply