MOTOLOGY

ANNULLATA PER IL METEO AVVERSO LA KELLS ROAD RACE

NON SI E’ DISPUTATA LA QUARTA TAPPA DEL CAMPIONATO IRLANDESE, LA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO

KELLS ROAD RACE: Dopo gli impegni internazionali delle settimane passate, North West200 e Tourist Trophy, questo fine settimana  la cittadina Irlandese di Kells ha ospitato la quarta tappa del campionato irlandese di corse su strada.

Fra gli iscritti nomi di spicco, reduci da TT, quali: William Dunlop, Derek Sheils, Derek McGee, Brian McCormack, Seamus Elliott (che ha debuttato quest’anno lungo il Mountain Course), Michal Dokoupil, Matthew Rees; oppure alcuni dei “soliti” delle National quali: Sam Dunlop, Gary Dunlop, Paul Jordan, Josh Walsh, Dean Campbell, Melissa Kennedy, Yvonne Montgomery, Veronika Hankocyova, Sam Wilson, Andy Farrell, Vic Allan ed il nostro rappresentante in Irlanda, Dario Cecconi. Questi sono solo alcuni dei quasi cento iscritti all’edizione 2016.

Un’edizione che sembrava potersi svolgere nel migliore dei modi, con qualche dubbio sul meteo, ma come tipico di questa terra; undici gare in programma, di cui due sabato e le restanti domenica; che ha visto nella giornata di sabato svolgersi le prove, come da programma, con ad esempio William Dunlop in pole nella classe Open o Derek McGee nella classe Supersport. Man of The Meeting Kells 2016 Richard Ford vincitore sabato sia della Junior che Senior Classic race, nonché unico vincitore di questa edizione.

Il meteo purtroppo ha dettato legge, questa mattina, dopo un ritardo iniziale, che ha portato gli organizzatori a posticipare tutto alle 13 locali, la prima volta ed alle 14 la seconda, ha poi costretto all’inevitabile decisione, la cancellazione dell’evento. La pioggia non ha dato tregua un solo istante, anzi; giungere a questa conclusione non è mai ciò che chi, con impegno e dedizione, nei mesi precedenti si è dedicato all’organizzazione vorrebbe prendere, ma inevitabile poiché safety first of all, la sicurezza prima di tutto.

Nelle ultime settimane gli avvenimenti che hanno, purtroppo, caratterizzato il nostro mondo hanno visto estranei scagliarsi contro le road race, come se chi organizza, partecipa, sia esso un pilota o meccanico o marshall o spettatore, sia un incosciente. Noi non siamo fatti così, non siamo in attesa della tragedia, sappiamo fare un passo indietro se necessario, quindi utilizzo queste ultime righe per ringraziare chiunque sia stato coinvolto in questo meeting, forse con un occhio di riguardo verso i marshal, che ai lati del tracciato permettono, con la loro presenza, lo svolgimento di queste giornate che tanto amiamo. Grazie a tutti. Ci rivediamo il prossimo anno!

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply