MOTOLOGY

I PILOTI ROAD RACING AD OULTON PARK

UNO SGUARDO AI PILOTI ALLA VIGILIA DELLA NORTH WEST

Come da consuetudine rivolgiamo uno sguardo a quei piloti che, settimana prossima, saranno impegnati sul tracciato della North West200 e poco dopo al Tourist Trophy.

Ultimamente il BSB è scelto come alternativa alle national irlandesi o agli eventi a Scarborough,  Oulton Park non è stato da meno.

Poiché impegnati permanentemente nel campionato non ripeto il discorso relativo a: Alastair Seeley, ricordo che il nordirlandese partecipa alla sola NW200; Peter Hickman e Martin Jessopp.

Ian Hutchison, per lui impegno doppio questo round, oltre alla prova con la Stock The Bingley Bullet ha infatti testato la R6 del team Traction Traction Control. Per lui quinto tempo nella prima sessione di prove libere, quando ancora non pioveva, dodicesimo crono in condizioni di pioggia, non ha preso parte ala gara sprint di domenica,  decisione condivisibile, per lui si tratta di un test, inutile rischiare. Ha partecipato alla seconda gara di lunedì, concludendo con un onorevole undicesimo posto, in condizioni difficili.  In sella alla BMW stock invece ha saltato la prima sessione, ha registrato il tredicesimo e venticinquesimo crono rispettivamente nelle Q1 e Q2. Anche in questo caso condizioni di pioggia e con gli eventi road racing alle porte inutile rischiare. Ha rimediato una scivolata nelle prove, cosa che non gli accadeva da due anni, ma il team ha lavorato alla grande ed in gara ha concluso ancora terzo. Al omento occupa la terza posizione in campionato. Round decisamente positivo per lui, si conferma l’ottimo feeling con la BMW e ritrova l’R6, se pensiamo che Ian salì per la prima volta sulla moto giapponese direttamente al TT l’anno scorso.

 Michael Dunlop

Doppio turno anche per Michael Dunlop, che oltre alla consueta partecipazione nella classe superbike ha testato la propria BMW in configurazione stock, nota di curiosità, in entrambi i casi ha utilizzato la nuova livrea, la stessa che utilizzerà nella categoria Stock lungo il Triangle e Mountain Course. Nella classe superbike ha collezionato un tredicesimo, ventinovesimo e dodicesimo tempo, nelle tre sessioni di prove libere. Nelle qualifiche è stato vittima di una scivolata alla Hizzys, dovuta all’asfalto bagnato, senza conseguenze. si è ritirato in gara 1 nel corso dell’ottavo giro, mentre non ha preso parte alla seconda gara.

In sella alla configurazione stock ha segnato il terzo miglior crono nelle prime libere ed il tredicesimo nelle prime qualifiche, saltando le seconde. Anche in questa categoria un ritiro nel corso dell’ottavo giro. Risultato comunque relativo, Michael non ha mai esasperato le sue prestazioni nel BSB, ricordiamo cosa ha fatto nel 2014 al TT..

Michael Rutter

Michael Rutter, impegnato come Hutchy  tempo pieno nella classe stock, ha registrato il quindicesimo tempo nelle libere, sedicesimo e ventiduesimo nelle qualifiche. In gara ha concluso con un sesto posto, che gli vale altrettanta posizione in campionato, che bene rappresenta la fine di un buon weekend. Anche nel suo caso vale il ragionamento per cui, a ridosso degli eventi di punta è preferibile non rischiare e sfruttare il round come un test.

Josh Daley

Josh Daley invece cerca di combinare divertimento e test. Dal sedicesimo tempo delle prime libere è passato al decimo delle seconde, per poi segnare il quindicesimo nelle qualifiche. Presente alla gara sprint ha concluso in ventunesima posizione, in condizioni di asfalto bagnato. In gara due, in condizioni difficili di pioggia, ha concluso in tredicesima posizione, Josh ha dichiarato di essere soddisfatto dell’andamento del round, ricordiamo il suo team è privatissimo e soprattutto ha ragionato in termini di accumulo di giri in moto in vista del TT. (al tal proposito è in attivo una mini intervista proprio alla vigilia del TT)

Ben Wilson, anch’egli iscritto nella classe stock, nella classifica combinata dei tempi ha il settimo crono. La gara viene condizionata da un errore di valutazione per la scelta degli pneumatici (slick davanti e bagnato dietro) che ne condiziona il risultato, comunque ottavo e settima posizione in campionato. Il team si dimostra fiducioso (e meno critico di Ben), soprattutto alla luce del fatto che l’Aprilia è ancora una moto nuova per lui.

Dando un’occhiata ad altri piloti che vedremo in azione per le strade, il duo di casa Honda, John McGuinness e Conor Cummins, sono stati impegnati in una giornata di test a Castle Comble. Ivan Lintin è salito sull’isola di Man per testare, sul tracciato di Jurby, la sua Supertwin, il meteo non ha risparmiato neanche lui, mentre ik suo compagno di squadra, Alan Bonner, ha sfruttato la giornata di lunedì 2 Maggio per un test sul tracciato di Cadwell Park. Brandon Cretu ha partecipato al terzo round del MotoAmerica, presso il traciqto di New Jersey Motorsport Park, come i suoi colleghi la pioggia non ha risparmiato, per lui due ottime manche, da evidenziare però disputate in sella alla Yamaha, per gli eventi road racing sarà invece in sella alla Bimota.

Ormai manca poco, non ci resta che aspettare martedì 10 maggio quando inizieranno le prime prove alla North West200.

Le foto sono di Martyn Wilson che ringraziamo

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply