MOTOLOGY

ASSEN GP – MOTOGP : MARQUEZ CONQUISTA LA GARA PIÙ BELLA DELL’ANNO

La gara di Assen inizia con due cose che già sarebbero valse l’intero prezzo del biglietto: la partenza mostruosa di Jorge Lorenzo e un sorpasso di Rossi su Dovizioso e Crutchlow, sicuro e deciso.

Il GP olandese come sempre è teatro di gare memorabili: nei primi giri di gara Lorenzo e Marquez si disturbano a vicenda mentre Rossi, Dovizioso e tutto il gruppo di inseguitori riescono a mantenere il passo senza perdere metri importanti.

Dietro, a far spettacolo a livello cronometrico è Rins.

Gli spettatori cominciano ad esaltarsi dal terzo giro dove nuovamente la battaglia si fa importante fra Lorenzo e Marquez che sbaglia un ingresso curva e viene successivamente passato da Rossi.

Per l’italiano l’obiettivo è mantenere il passo del vincitore delle ultime due gare. Il rischio arriva alla fine del quarto giro, quando Rossi tampona Lorenzo perdendo del terreno importante.

Marquez non perde tempo e lotta duramente con Dovizioso, non perdendo occasione di scontri corpo a corpo.

Supera prima il pilota Ducati e poi anche Rossi, che in un attimo si trova in quarta posizione. 

Sale pericolosamente anche Rins, che chiude il sestetto di testa.

È proprio il pilota spagnolo di Suzuki a diventare il protagonista della bagarre del gruppo di testa: in pochi giri riesce a prendersi una posizione provvisoria sul podio.

Rossi recupera le posizioni perse, ritornando subito sui primi. Rins non si preoccupa e non guarda in faccia nessuno e Marquez scivola in terza posizione.

Poi di nuovo il gruppo si rimischia, con Rossi che retrocede e Lorenzo che prende il largo in testa alla corsa.

Dovizioso recupera e supera il compagno di squadra, mentre Marquez si ritrova alle spalle di Lorenzo, pronto ad affondare l’ennesimo colpo sul connazionale. 

In poche curve il trio di testa riesce a staccare il trio di inseguitori, ma bastano poche mosse per far sì che i 6 decimi di distacco si azzerino.

La bagarre comincia a farsi calda a 10 giri dalla fine: una lotta che non ammette errori ma che sembra non avere regole.

Giro dopo giro il gruppo comincia a scremarsi: Lorenzo perde metri, Vinales e Rossi crescono.

Vinales e Marquez durante la loro lotta sbagliano ed escono dalla pista, rimanendo però a contatto con Rossi e Dovizioso.

Il pilota di Tavullia tenta il primo attacco per la vittoria, ma Dovizioso riesce a difendersi.

La successione degli errori e delle lotte riportano nel gruppo anche Rins e Crutchlow. 

Marquez riesce a prendere spazio, lasciando i restanti gradini del podio nelle mani dei leoni.

Rossi si vede “buttare fuori” da Dovizioso, perdendo posizioni importanti, lasciando il podio in mano a Vinales e Rins.

Chiude Marquez davanti ad uno spettacolare Rins e a Vinales. Quarto Dovizioso seguito da Rossi, Crutchlow e Lorenzo. Undicesimo Iannone e ritirato, purtroppo, Petrucci.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply