MOTOLOGY

BSB JAKE DIXON E LEE HARDY RACING TEAM ANCORA INSIEME

CONTINUA IL LAVORO FRA DIXON E LEE HARDY RACING DOPO L’ESORDIO DEL 2017

Jake Dixon è giovane, classe 1996, Lee Hardy Racing lo ha fatto esordire nel MCE British Superbike a Knockhill nel 2016.

Un anno dopo, sullo stesso tracciato scozzese, Jake saliva sul gradino più alto del podio, non una ma ben due volte. Sesto nella classifica finale, con 562 punti, grazie anche ad altri due terzi posto ed altrettanti secondi. Giovane ma molto determinato, Lee Hardy ci ha visto bene e non si lascia sfuggire un pilota come lui.

Il ritorno a Kawasaki ha contribuito ai successi che hanno reso Jake il più giovane pilota ad aver accesso allo Showdown, con i suoi ventun anni.

Le sue parole a riguardo: “Per me è fantastico aver rinnovato con il team. Avevo ricevuto qualche offerta, ma come squadra abbiamo un grande rapporto che ha funzionato in questi anni e non volevo cambiarlo. Credo che fina dal primo round potremo lottare per la vittoria”.

Il team owner Lee Hardy: “Sono felice che Jake rimanga con noi in questa stagione, era il mio obiettivo fin da metà 2017.

Siamo in un’ottima posizione anche con gli sponsor, tutti i partner son felici che Jake ci sia ancora, dopo un anno così incredibile. Il cambio a Kawasaki è stato ricominciare un nuovo progetto, che si è rivelato una giusta mossa. L’arrivo di Glen Richard, un tecnico elettronico e telaista ci hanno fatto fare il passo successivo per non essere più un piccolo team. La prima vittoria risale al 2014 (Cadwell Park con Hickman, all’indomani della scomparsa di Simon Andrews nda), per la seconda abbiamo dovuto attendere un po’.

Knockhill è stata fantastica e la doppietta ha dato la volta alla nostra stagione. La lotta per il podio è adesso una realtà. Avere continuità è ciò che conta, l’obiettivo è ricominciare da dove abbiamo finito, per lottare con i top team e mostrare il talento di Jake”.

Personalmente Jake Dixon mi ha affascinata fin dalla sua prima gara, dove all’esordio è andato subito a punti. La sua crescita è stata costante e sicuramente si aggiunge alla lista dei buoni motivi per seguire il British Superbike.

Credits: Martyn Wilson per Pitlane Photography che ringraziamo.

 

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply